Gmm Group entra nel colosso svedese Axel Johnson International

Axel Johnson International entra nel mercato italiano dei servizi industriali con l’acquisizione delle quote di maggioranza di Gmm Group.

Il gruppo svedese Axel Johnson International ha finalizzato l’acquisizione delle quote di maggioranza di Gmm Group, storica azienda di Fiorano Modenese, leader nella distribuzione di componenti meccanici per il settore ceramico. Il colosso scandinavo ha così sancito l’ingresso nel mercato italiano della distribuzione e dei servizi industriali.

Fondato nel 1973 da Attilio Milani, il Gruppo Gmm si è confermato rapidamente come punto di riferimento per la distribuzione di componenti meccanici per il settore ceramico nazionale ed internazionale.

Grazie all’entusiasmo e alla visione della seconda generazione, rappresentata da Silvia e Luca Milani, negli anni il gruppo ha ampliato l’attività anche nel mondo dei servizi manutentivi specializzati, attraverso una strategica diversificazione verticale: nel 2016 viene acquisita Bbm Industrial Maintenance e a Clarksville, Tennessee, viene aperta la Gmm Usa, mentre nel 2020 entra nel gruppo anche l’E. Malaguti, consociata specializzata nella rigenerazione di componenti elettromeccanici.  Il Gruppo Gmm conta oggi circa 50 collaboratori e prevede per l’anno in corso di superare i 20 milioni di fatturato.

Secondo gli accordi, il CEO Luca Milani, che mantiene un’importante quota di minoranza - resta alla guida del gruppo.

“Siamo entusiasti di entrare a far parte di Axel Johnson International e del gruppo Power Transmission Solutions”, afferma. “L’entrata in un grande gruppo internazionale ci consentirà di rafforzare ulteriormente la nostra posizione e di supportare i clienti con un'offerta più ampia di soluzioni e servizi industriali, permettendoci di sviluppare e accelerare i nostri piani di crescita commerciali ed internazionali, in un mercato globale in rapida evoluzione”.

Articoli correlati

I 50 anni di Gmm

04/12/2023
Mezzo secolo di dedizione ed eccellenza imprenditoriale che l’azienda di Fiorano Modenese ha ripercorso assieme a tutti i collaboratori, rinnovando il suo impegno per il futuro.