Laterizi Italia: produzione a +12,1%

Secondo i dati pubblicati nell’indagine statistica nazionale di Confindustria Ceramica la produzione in Italia si è attestata a 4,46 milioni di tonnellate raggiungendo i livelli del 2019.

Dopo anni di cali continui e un 2020 fortemente colpito dai contraccolpi della pandemia, l’industria italiana dei laterizi inverte la rotta e inizia a salire. Nel 2021 la produzione del settore ha registrato un incremento del 12,1% rispetto all’esercizio precedente attestandosi a 4,46 milioni di tonnellate e raggiungendo i livelli del 2019.

Secondo i dati pubblicati nell’indagine statistica nazionale di Confindustria Ceramica, tutte le tipologie di prodotto risultano in crescita: mattoni e blocchi normali per murature salgono del 20,6%, i blocchi alleggeriti del +4,9%, la produzione di blocchi da solaio del +4,8% e i fondelli mettono a segno un +28,2%. In aumento anche la produzione di forati e tavelle (+8,9%), coperture (+26,9%) e mattoni faccia a vista (+8,9%).

Lo scenario generale di settore vede attive sul territorio 62 aziende produttrici che nel 2021 hanno fatturato 500 milioni di euro avvalendosi di 78 siti produttivi e 3.000 addetti.

Andamenti territoriali per tipologie di prodotto

La produzione di elementi da muro normale cresce significativamente al nord ovest (+21,1%), al nord est (+36,1%) e al centro (+14,2%). In crescita, ma più contenuta, al sud (2,1%).

Gli elementi da muro alleggeriti incrementano in modo rilevante la produzione al nord est (+19,2%). Meno importanti, comunque positive, le variazioni nelle aree nord ovest (+4,7%) e centro (+9,9%) mentre si registra una flessione al sud (-23,7%).

La produzione di forati e tavelle è in particolare aumento nord ovest (+25,5%). Più contenuta la crescita al nord est (+12,8%) e al centro (-13,3%). In contrazione la produzione al sud (-13,3%).

Cresce la produzione di faccia a vista e pavimenti, in particolare al sud (+18,8%) e al nord ovest (+16,7%). Incrementa anche al centro (+13,0%) e al nord est (+5,9%). Solai e fondelli registrano un incremento al nord ovest (+23,1%), al nord est (+11,8%) e al centro (+11,2%), mentre subiscono una riduzione della produzione al sud (-10,8%).

Dinamiche positive su tutto il territorio per le coperture, al nord ovest (+24,2%), al nord est (+44,2%), al centro (+14,9%) e al sud (+27,2%).

In termini di performance regionali, il nord ovest registra un aumento della produzione totale del +17,8%, mentre nel nord est l’incremento è del +22,5%. La crescita della produzione al centro è del +11,4%, mentre la produzione totale al sud subisce una flessione del -13,4% rispetto al 2020.

Relativamente alla distribuzione geografica, su 78 impianti attivi 42 operano al nord del paese, dove sono stati prodotti nel 2021 oltre 2,4 milioni di tonnellate di laterizio. I rimanenti 36 impianti, localizzati nel centro e nel sud hanno prodotto nel 2021 2,1 milioni di tonnellate di laterizio.

20-year trend of Italian heavy clay production, number of factories and employees / Andamento storico della produzione di laterizi in Italia

Fonte: Confindustria Ceramica

Articoli correlati

2021 da record per la ceramica italiana

30/06/2022
L’industria ceramica italiana archivia un 2021 straordinario, con ricavi totali a 7,5 miliardi di € (+21% sul 2020). La parte del leone spetta come sempre al settore delle…

Più argille tedesche in arrivo in Italia

30/06/2022
Firmato il 23 giugno un “Memorandum of Understanding” tra Confindustria Ceramica e BKRI per aumentare il flusso di argille tedesche verso l'industria ceramica italiana.

Leggi altro in "Economia e mercati"